SAIB

SAIB aveva necessità di supporto per la progettazione, sviluppo e creazione di uno strumento di CRM interamente personalizzato e integrato per visualizzare, monitorare e inserire richieste di campioni o cataloghi da tablet in modo semplice e veloce.

Contesto

SAIB, una delle principali imprese italiane produttrici di pannello truciolare grezzo e nobilitato, nasce nel 1962 dall’idea di Eva Bosi e del marito Giorgio Rinaldi di riutilizzare gli scarti di altre lavorazioni del legno per creare un prodotto innovativo ed economicamente vantaggioso rispetto al legno massello: il pannello truciolare. Nonostante il prodotto innovativo, la raccolta delle informazioni e delle statistiche relative ai propri clienti erano disconnesse e inattendibili. Questo non permetteva loro di pianificare azioni mirate di vendita e di creare report validi, provocando difficoltà e perdita di tempo.

SAIB da tempo ricercava uno strumento per la propria forza vendita per fornire tutte le informazioni necessarie alla gestione dei clienti in un unico punto.

Fino a ieri tutte le informazioni utili alla vendita erano sparse su più strumenti aziendali.

Sfida

La sfida più importante è stata quella relativa all'integrazione delle varie fonti di informazioni all’interno di SAIB.

A partire dal loro AS400, sistema dove risiede l’ERP aziendale. Abbiamo affrontato un lavoro importante per la gestione dei dati presenti su AS400 e su altre sorgenti d’informazione per generare:

  • Scheda Cliente: contenente le informazioni anagrafiche del cliente, comprese informazioni e statistiche sulla sua affidabilità (rispetto a situazioni contabili, fatturato, non conformità ecc.). Qui è possibile anche inserire report di visita (a seguito di incontri e telefonate col cliente), e archiviare scambi di mail.
  • Fatture: sezione di contabilità in cui consultare le fatture emesse.
  • Ordini: per monitorare lo stato di evasione di ordini e relative informazioni su clienti e agenti coinvolti.
  • Richieste campioni/campionature/cataloghi: sezione da cui è possibile sia leggere che inserire dati su/da Jira, rispetto a ordini di campionature industriali da inviare ai clienti.

Inoltre, da qualche tempo, grazie al nostro team Atlassian, SAIB gestisce con Jira il monitoraggio della produzione e i difetti di fabbricazione; abbiamo avuto quindi gioco facile nell’integrare anche questo.

Il nostro metodo

Il lavoro di squadra iniziale con gli stakeholders interni all'azienda è stato fondamentale. Siamo partiti da un workshop di Product Discovery che ci ha permesso di tracciare la product vision e la product roadmap.

Il secondo workshop, a tema UX, è servito ad approfondire in maniera puntuale sia le esigenze dell’utente che i touchpoints tra utilizzatore e prodotto. Con le informazioni raccolte abbiamo elaborato: le personas, gli user flows, il solution sketch e il product backlog.

Il passo successivo è stata la creazione del prototipo grafico con Sketch e Invision, che abbiamo sottoposto al cliente in scambi continui, al fine di soddisfare tutte le esigenze.

Risultato

Finalmente gli agenti SAIB possono avvalersi di un unico strumento semplice da utilizzare e veloce, in cui trovare in qualsiasi momento tutte le informazioni necessarie a supporto del proprio business.

Tecnologie

Abbiamo utilizzato le più recenti tecnologie per il web ed il mobile. In particolare abbiamo scelto Symfony per il backend e React per il frontend.

La scelta di Symfony è stata motivata dalla sua struttura a bundle, installabili dinamicamente nell'applicativo e per questo molto versatili, anche nell'integrazione con Jira.

React, per sua natura, è in grado di integrarsi con qualsiasi tecnologia e framework. Inoltre semplifica la realizzazione di interfacce UI dinamiche.

Team

Il team era composto da un PO, due Designer, un Backend Developer, un Project Lead e un Frontend Developer; la nostra “agilità” nel comporre team a misura delle esigenze del cliente si rivela la modalità corretta per garantire velocità di esecuzione e qualità dei contenuti. 

Feedback

Il cliente è stato entusiasta del nostro approccio. Si aspettava di vederci sin da subito con computer alla mano ed invece è stato coinvolto in una dimensione fatta di post it, pennarelli e sketching, in cui è stato ascoltato attentamente al fine di sciogliere ogni nodo del sistema. Anche la persona più timida si è sentita co-creatrice del prodotto e ha potuto dare il suo contributo. 

Ulteriore aspetto molto apprezzato è stato l'uso della metodologia Scrum e la suddivisione in Sprint che ha consentito al cliente di vedere e testare le varie funzionalità rilasciate man mano, garantendo uno sviluppo molto veloce dell'applicativo, grazie a un clima collaborativo e confidenziale.

Saib
Saib